Functional Safety

EnDat supporta fondamentalmente l'impiego di encoder in applicazioni orientate alla sicurezza. In proposito ci si basa sulle norme EN ISO 13849-1 (ex EN 954-1) come pure EN 61508 ed EN 61800-5-2.

In tali norme la valutazione dei sistemi orientati alla sicurezza viene eseguita tra l'altro sulla base di probabilità di guasto di elementi integrati o sottosistemi. La concezione modulare facilita i costruttori di impianti di sicurezza nella realizzazione di propri sistemi completi, in quanto possono far affidamento su sottosistemi già qualificati.

La base della Functional Safety con encoder EnDat 3 per applicazioni fino a SIL 3 è rappresentata dai seguenti fattori:

  • Valore di posizione
    • Due valori di posizione indipendenti Pos1 (ad alta risoluzione) e Pos2 (event. a bassa risoluzione)
    • Confronto di Pos1 e Pos2 tramite il controllo numerico sicuro (safe CU)
  • Dinamizzazione forzata
    • Test ciclico della funzione di monitoraggio nell'encoder
  • Messaggi di errore
    • Monitoraggio dei bit di errore F1 e F2
  • Un Master EnDat sicuro non è richiesto (black channel) e non è pertanto parte integrante della catena di sicurezza
  • Separazione della comunicazione rispetto al Motion Controller e al controllo numerico sicuro (safe CU), ad esempio messaggi di errore separati

Per riassumere:
Semplice implementazione possibile grazie all'approccio black channel in combinazione con formati di posizione standardizzati e la possibilità di spostamento della dinamizzazione forzata nell'encoder